Sveglia, SVEGLIA, SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA !!!!

La Gabanelli mi fa incazzare più di Alfano o Berlusconi.

Hello ?

HELLLO ???

C’è qualcuno ???

 

Non siamo bestie, siamo persone pensanti, ABBIAMO IL DIRITTO DI CRITICARE chiunque se dice cazzate…anche la Gabanelli, anche Saviano, anche Bersani anche Gesu Cristo…SCENDETE DAL PERO PER  DIO !!

Del perchè vincerà la lega

La storiella del popolo italiano custode dei valori di civiltà e democrazia ed egualianza è una favoletta che va bene per Bersani da raccontare alle feste dell’Unità

L’italia è sempre stata una nazione distintasi per il disprezzo delle regole del vivere cvile e la tanto decantata “furberia italica” (che poi come tutte le furbizie individuali si traduce in coglioneria generale) altro non è che egoismo e riluttanza nei confronto dei doveri: questo vale dalle multe, che poi l’amico vigile ci farà togliere, al nucleare, che molti vorrebero, ma non a casa loro.

Le lega inquadra perfettamente questo pensiero, ed è destinata naturalmente a diventare il partito dominante.

O se mi permettete la citazione

“Sono tanto semplici gli uomini, e tanto obediscano alle necessità presenti, che colui che inganna troverrà sempre chi si lascerà ingannare.”

La Sinistra ? Lasciamo perdere per carità, non giriamo il coltello nella piaga….

C’è qualcuno di destra ? Vedete da qualche parte Dio Patria e Famiglia? La legalità ? I valori morali?

Tutte cose molto belle, ma noiose ed impegnative da mettere in pratica.

 

Mi spiace, la sinistra di fatto non c’è più e la destra probabilmente non c’è mai stata.

 

E adesso cortesemente, feura di ball !

Ricordiamoceli

Gruppo Popolo della Libertà
Fabrizio Cicchitto, Massimo Enrico Corsaro, Sabatino Aracu, Simone Baldelli, Maurizio Bernardo, Isabella Bertolini, Maurizio Bianconi, Salvatore Cicu, Domenico Di Virgilio, Pietro Laffranco, Osvaldo Napoli, Barbara Saltamartini, Jole Santelli, Gioacchino Alfano, Sabatino Aracu, Maria Teresa Armosino, Filippo Ascierto, Mario Baccini, Lucio Barani, Emerenzio Barbieri, Michaela Biancofiore, Mariella Bocciardo, Giuseppe Calderisi, Remiglio Ceroni, Luigi Cesaro, Gianfranco Conte, Nunzia De Girolamo Nunzia, Giovanni Dima, Renato Farina, Fabio Garagnani, Giorgio Holzmann, Amedeo Laboccetta, Pietro Laffranco, Luigi Lazzari, Beatrice Lorenzin, Giuseppe Francesco Maria Marinello, Marco Marsilio, Bruno Murgia, Antonio Palmieri, Massimo Parisi, Enrico Pianetta, Mauro Pili, Giuseppe Romele, Gianfranco Sammarco, Giuseppe Scalera, Michele Scandroglio, Luigi Vitali. Altri membri: Gian Carlo Abelli, Ignazio Abrignani, Angelino Alfano, Antonio Angelucci, Roberto Antonione, Valentina Aprea, Francesco Aracri, Vincenzo Barba, Viviana Beccalossi, Luca Bellotti, Amato Berardi, Deborah Bergamini, Anna Maria Bernini Bovicelli, Massimo Maria Berruti, Sandro Biasotti, Francesco Biava, Paolo Bonaiuti, Margherita Boniver, Marco Botta, Michela Vittoria Brambilla, Aldo Brancher, Renato Brunetta, Donato Bruno, Annagrazia Calabria, Maria Rosaria Carfagna, Gabriella Carlucci, Luigi Casero, Roberto Cassinelli, Carla Castellani, Giuseppina Castiello, Francesco Catanoso Genoese detto Basilio Catanoso, Giuliano Cazzola, Fiorella Ceccacci Rubino, Elena Centemero, Carlo Ciccioli, Edmondo Cirielli, Francesco Colucci, Manlio Contento, Nicola Cosentino, Giulia Cosenza, Giuseppe Cossiga, Enrico Costa, Stefania Gabriella Anastasia Craxi, Rocco Crimi, Nicolo Cristaldi, Guido Crosetto, Marcello De Angelis, Sabrina De Camillis, Riccardo De Corato, Francesco De Luca, Melania De Nichilo Rizzoli, Maurizio Del Tenno, Giovanni Dell’Elce, Simeone Di Cagno Abbrescia, Marcello Di Caterina, Manuela Di Centa, Ida D’Ippolito Vitale, Antonio Distaso, Monica Faenzi, Giuseppe Fallica, Raffaele Fitto, Gregorio Fontana, Vincenzo Antonio Fontana, Nicola Formichella, Tommaso Foti, Antonino Foti, Pietro Franzoso, Paola Frassinetti, Franco Frattini, Benedetto Francesco Fucci, Giuseppe Galati, Vincenzo Garofalo, Fabio Gava, Mariastella Gelmini, Antonino Salvatore Germanà, Niccolò Ghedini, Agostino Ghiglia, Sestino Giacomoni, Gabriella Giammanco, Vincenzo Gibiino, Alberto Giorgetti, Rocco Girlanda, Francesco Maria Giro, Lella Golfo, Isidoro Gottardo, Ugo Maria Gianfranco Grimaldi, Antonello Iannarilli, Maurizio Iapicca, Giorgio Jannone, Enrico La Loggia, Ignazio La Russa, Giorgio Lainati, Mario Landolfi, Maurizio Leo, Antonio Leone, Ugo Lisi, Pietro Lunardi, Maurizio Lupi, Gennaro Malgieri, Gianni Mancuso, Barbara Mannucci, Alfredo Mantovano, Giulio Marini, Marco Martinelli, Antonio Martino, Antonio Mazzocchi, Riccardo Mazzoni, Giancarlo Mazzuca, Giorgia Meloni, Gianfranco Miccichè, Riccardo Migliori, Lorena Milanato, Marco Mario Milanese, Antonino Minardo, Eugenio Minasso, Giustina Mistrello Destro, Dore Misuraca, Giuseppe Moles, Alessandra Mussolini, Gaetano Nastri, Massimo Nicolucci, Fiamma Nirenstein, Settimo Nizzi, Alessandro Pagano, Maurizio Paniz, Alfonso Papa, Adriano Paroli, Gaetano Pecorella, Paola Pelino, Antonio Pepe, Mario Pescante, Giovanna Petrenga, Guglielmo Picchi, Vincenzo Piso, Giancarlo Pittelli, Sergio Pizzolante, Carmelo Porcu, Stefania Prestigiacomo, Marco Pugliese, Fabio Rampelli, Laura Ravetto, Manuel Repetti, Eugenia Roccella, Paolo Romani, Luciano Rossi, Mariarosaria Rossi, Roberto Rosso, Gianfranco Rotondi, Paolo Russo, Stefano Saglia, Elvira Savino, Souad Sbai, Claudio Scajola, Umberto Scapagnini, Maurizio Scelli, Giorgio Simeoni, Francesco Paolo Sisto, Roberto Speciale, Francesco Stagno D’Alcontres, Lucio Stanca, Giorgio Clelio Stracquadanio, Franco Stradella, Giacomo Terranova, Piero Testoni, Gabriele Toccafondi, Salvatore Torrisi, Roberto Tortoli, Michele Traversa, Giulio Tremonti, Mario Valducci, Valentino Valentini, Paolo Vella, Cosimo Ventucci, Denis Verdini, Santo Domenico Versace, Pasquale Vessa, Raffaello Vignali, Elio Vito, Marco Zacchera.

Gruppo Lega Nord
Marco Giovanni Reguzzoni, Luciano Dussin, Lussana Carolina Montagnoli Alessandro, Fogliato Sebastiano, D’amico Claudio, Angelo Alessandri, Stefano Allasia, Massimo Bitonci, Guido Bonino, Umberto Bossi, Matteo Bragantini, Gianluca Buonanno, Corrado Callegari, Davide Caparini, Davide Cavallotto, Giacomo Chiappori, Silvana Andreina Comaroli, Nunziante Consiglio, Jonny Crosio, Manuela Dal Lago, Marco Desiderati, Gian Carlo Di Vizia, Gianpaolo Dozzo, Guido Dussin, Giovanni Fava, Massimiliano Fedriga, Fulvio Follegot, Gianluca Forcolin, Maurizio Fugatti, Franco Gidoni, Giancarlo Giorgetti, Paola Goisis, Paolo Grimoldi, Eraldo Isidori, Manuela Lanzarin, Marco Maggioni, Francesca Martini, Daniele Molgora, Laura Molteni, Nicola Molteni, Emanuela Munerato, Giovanna Negro, Luca Rodolfo Paolini, Maria Piera Pastore, Gianluca Pini, Ettore Pirovano, Massimo Polledri, Fabio Rainieri, Erica Rivolta, Marco Rondini, Roberto Simonetti, Stefano Stefani, Giacomo Stucchi, Renato Walter Togni, Alberto Torazzi, Pierguido Vanalli, Raffaele Volpi.

Gruppo Iniziativa Responsabile
Luciano Mario Sardelli, Giuseppe Ruvolo, Domenico Scilipoti, Maria Grazia Siliquini, Gerardo Soglia, Maria Elena Stasi, Vincenzo D’anna, Maurizio Grassano, Francesco Pionati, Elio Vittorio Belcastro, Massimo Calearo Ciman, Giampiero Catone, Bruno Cesario, Pippo Gianni, Paolo Guzzanti, Arturo Iannaccone, Giancarlo Lehner, Antonio Milo, Silvano Moffa, Giovanni Carlo Francesco Mottola, Carlo Nola, Andrea Orsini, Mario (Ir) Pepe, Michele Pisacane, Catia Polidori, Americo Porfidia, Antonio Razzi, Francesco Saverio Romano, Vincenzo Taddei, Liberal democratici (Gruppo Misto) Daniela Melchiorre, Italo Tanoni. (Gruppo Misto) Aurelio Salvatore Misiti.

La piccola differenza

Ex-Labour MP Jim Devine has been jailed for 16 months for fraudulently claiming £8,385 in expenses.

Devine was last month found guilty of using false invoices for cleaning and printing work.

The ex-MP for Livingston, 57, is the third current or former MP to be jailed for fiddling their expenses, but was the first to stand trial.

The judge, Mr Justice Saunders, said he “set about defrauding the public purse in a calculated and deliberate way”.

He was sentenced to 16 months on each of two counts to run concurrently. He was cleared of a third count, relating to £360.

‘Lying’

Passing sentence at the Old Bailey, Judge Saunders said: “These offences constituted a gross breach of trust which, along with others, had had the effect of causing serious damage to the reputation of Parliament.

“Mr Devine made his false claims at a time when he well knew the damage that was being caused to Parliament by the expenses scandal but he carried on regardless.”

He said cleaning and maintenance work claimed for by Devine was either not done at all or not paid for by Devine, and that invoices submitted for printing work were “entirely bogus”.

Jim Devine’s former office manager Marion Kinley speaks about the former MP after he was jailed for fraudulent expenses claims

The judge dismissed as false Devine’s claim in court that another MP had told him what he did was “accepted practice”.

Devine had been “lying in significant parts of the evidence that he gave”, the judge said.

But, Judge Saunders added, his crime was less serious than that of former Labour MP David Chaytor, who was jailed for 18 months after admitting falsely claiming more than £22,000 of taxpayers’ money for rent and IT work, and this had been taken into account.

Chaytor last month lost an appeal to have his sentenced reduced. Former Labour MP Eric Illsley was jailed for 12 months last year after pleading guilty to £14,000 in expenses fraud.

Former Tory peer Lord Taylor of Warwick awaits sentencing after being convicted by a jury in January of fraudulently claiming more than £11,000 for overnight subsistence and travel.

Devine’s lawyer said he would probably serve eight months – but could get out in four with good behaviour.

BBC Political Correspondent Tim Reid, tweeting from the Old Bailey, said Devine “looked straight ahead and blinked as the sentence was handed down”.

‘Out of character’

Devine had denied “wholly deliberate deceit” in submitting his Commons expenses, claiming he was advised by another Labour MP and by expenses officials at the Commons Fees Office, that he was allowed to use money in his communications allowance to cover staff costs.

He said he did not benefit personally from the claims.

In mitigation, Devine’s lawyer said the fraud had been “entirely out of character” and prison would “bear heavily on him” as he suffers high blood pressure and has lost his reputation as well as his 30-year political career.

Devine was declared bankrupt last month, following a separate hearing at Livingston Sheriff Court.

The insolvency order was made after he failed to pay his former office manager Marion Kinley £35,000 for unfair dismissal.

Last year an employment tribunal heard how he bullied Miss Kinley and made up stories to justify firing her.

During his expenses trial, Devine claimed Miss Kinley paid herself more than £5,000 from his staffing allowance without his knowledge by forging his signature – an allegation his legal team now concedes was not true.

Speaking to BBC Scotland after Devine was jailed, Miss Kinley said he was a “Walter Mitty” character who “always exaggerated everything”.

“He has bare-faced lied about people just to cover his own back,” she added.

Devine, a former psychiatric nurse and union organiser, was chairman of the Scottish Labour Party in the 1990s. He later succeeded Robin Cook as MP for Livingston following the former foreign secretary’s death.

He was barred from standing again as a Labour candidate after the expenses allegations emerged – but he continued to claim for household costs even after he was charged.

 

In Italia se sei stato condannato per finanziamento illeco ai partiti (tangenti, per dirla in parole povere) hai buone chance di diventare ministro.

Piccoli inglesi crescono

Per il cricket ci stiamo attrezzando 😉

Mi gioco una centrale nucleare al poker

Quello Italiano è un popolo che si adatta molto facilmente e molto rapidamente.
Di norma è composto da 55 milioni di allenatori della nazionale, ma essendo flessibile sa fare altro.
Recentemente ho visto 55 milioni di esperti in diritto, pochissimi dei quali hanno mai aperto un testo o sono stati in tribunale.
Prima ancora 55 milioni di esperti di università hanno lodato o denigrato la riforma Gelmini: curioso notare che solo il 5% degli italiani sono laureati, come i Siriani.
Adesso abbiamo 55 milioni di esperti di nucleare 😮

Una delle parole che più si sente nei bar è probabilità
Che bella cosa che è la probabilità
Si è vero, la probabilità che venga un terremoto di forza 9 in italia è molto bassa, anzi irrelevante.
Ma il calcolo del rischio non è uguale alla probabilità.

Siccome non sono un esperto di nucleare ma gioco benino a poker, ve la spiego così.

Se alla fine del giro siete rimasti voi, la zia Pina e Ughetto, con 10mila lire sul piatto ed una coppia di dieci in mano, beh le probabilità che vinciate sono molto ma molto scarse.
Però vabbe, è capodanno, siete un po bevuti ed in fondo che saranno mai diecimila lire?
Vedo !

Se invece siete nella bisca di Trucido er nano sordido, ed al tavolo ci sono Tonio o’ animale e Vincenzo il re del Gianbellino e 2400 euro in tavola e voi avete una coppia di dieci, beh forse non giocate.

Le probabilità di vincere o perdere sono le stesse, ma il calcolo del rischio è diverso.

E non serve sapere cosa cazzo sia un integrale per capirlo, coglioni !

Solo il 20 per cento degli adulti italiani sa veramente leggere, scrivere e contare

Cinque italiani su cento tra i 14 e i 65 anni non sanno distinguere una lettera da un’altra, una cifra dall’altra. Trentotto lo sanno fare, ma riescono solo a leggere con difficoltà una scritta e a decifrare qualche cifra. Trentatré superano questa condizione ma qui si fermano: un testo scritto che riguardi fatti collettivi, di rilievo anche nella vita quotidiana, è oltre la portata delle loro capacità di lettura e scrittura, un grafico con qualche percentuale è un’icona incomprensibile.

Secondo specialisti internazionali, soltanto il 20 per cento della popolazione adulta italiana possiede gli strumenti minimi indispensabili di lettura, scrittura e calcolo necessari per orientarsi in una società contemporanea.

Questi dati risultano da due diverse indagini comparative svolte nel 1999-2000 e nel 2004-2005 in diversi paesi. Ad accurati campioni di popolazione in età lavorativa è stato chiesto di rispondere a questionari: uno, elementarissimo, di accesso, e cinque di difficoltà crescente. Si sono così potute osservare le effettive capacità di lettura, comprensione e calcolo degli intervistati, e nella seconda indagine anche le capacità di problem solving.

I risultati sono interessanti per molti aspetti. Sacche di popolazione a rischio di analfabetismo (persone ferme ai questionari uno e due) si trovano anche in società progredite. Ma non nelle dimensioni italiane (circa l’80 per cento in entrambe le prove).

Tra i paesi partecipanti all’indagine l’Italia batte quasi tutti. Solo lo stato del Nuevo Léon, in Messico, ha risultati peggiori. I dati sono stati resi pubblici in Italia nel 2001 e nel 2006. Ma senza reazioni apprezzabili da parte dei mezzi di informazione e dei leader politici.

Nelle ultime settimane, però, alcuni mezzi di informazione hanno parlato con curiosità del fatto che parecchi laureati italiani uniscono la laurea a un sostanziale, letterale analfabetismo. Questa curiosità vagamente moralistica è meglio di niente?

No, non è meglio, se porta a distrarre l’attenzione dalla ben più estesa e massiccia presenza di persone incapaci di leggere, scrivere e far di conto (quello che in inglese chiamiamo illiteracy e innumeracy e in italiano diciamo, complessivamente, analfabetismo). È notevole che l’analfabetismo numerico (l’incapacità di cavarsela con una percentuale o con un grafico) non abbia neanche un nome usuale nella nostra lingua.

È grave non saper leggere, scrivere e far di conto? Per alcuni millenni – dopo che erano nati e si erano diffusi sistemi di scrittura e cifrazione – leggere, scrivere e far di conto furono un bene di cui si avvantaggiava l’intera vita sociale: era importante che alcuni lo sapessero fare per garantire proprietà, conoscenze, pratiche religiose, memorie di rilievo collettivo, amministrazione della giustizia.

Ma nelle società aristocratiche a base agricola, purché ci fossero alcuni letterati, la maggioranza poteva fare tranquillamente a meno di queste capacità. I saperi essenziali venivano trasmessi oralmente e perfino senza parole. Anche i potenti potevano infischiarsene, purché disponessero di scribi depositari di quelle arti.

Carlo V poteva reggere un immenso impero, ma aveva difficoltà perfino a fare la firma autografa. Le cose sono cambiate in tempi relativamente recenti almeno in alcune aree del mondo. Dal cinquecento in parte d’Europa la spinta della riforma protestante, con l’affermarsi del diritto-dovere di leggere direttamente Bibbia e Vangelo senza mediazioni del clero, si è combinata con una necessità creata dal progredire di industrializzazione e urbanizzazione: quella del possesso diffuso di un sapere almeno minimo.

In seguito è sopravvenuta l’idea che tutti i maschi abbienti, poi tutti i maschi in genere, infine perfino le donne, potessero avere parte nelle decisioni politiche.

La “democrazia dei moderni” e i movimenti socialisti hanno fatto apparire indispensabile che tutti imparassero a leggere, scrivere e far di conto. Il solo saper parlare non bastava più. E in quelle che dagli anni settanta del novecento chiamiamo pomposamente “società postmoderne” o “della conoscenza”, leggere, scrivere e far di conto servono sempre, ma per acquisire livelli ben più alti di conoscenza necessari oggi all’inclusione, anzi a sopravvivere in autonomia.

L’analfabetismo italiano ha radici profonde. Ancora negli anni cinquanta il paese viveva soprattutto di agricoltura e poteva permettersi di avere il 59,2 per cento della popolazione senza titolo di studio e per metà totalmente analfabeta (come oggi il 5 per cento).

Fuga dai campi, bassi costi della manodopera, ingegnosità (gli “spiriti vitali” evocati dal presidente Napolitano) lo hanno fatto transitare nello spazio di una generazione attraverso una fase industriale fino alla fase postindustriale. Nonostante gli avvertimenti di alcuni (da Umberto Zanotti Bianco o Giuseppe Di Vittorio a Paolo Sylos Labini), l’invito a investire nelle conoscenze non è stato raccolto né dai partiti politici né dalla mitica “gente”.

Secondo alcuni economisti il ristagno produttivo italiano, che dura dagli anni novanta, è frutto dei bassi livelli di competenza. Ma nessuno li ascolta; e nessuno ascolta neanche quelli che vedono la povertà nazionale di conoscenze come un fatto negativo anzitutto per il funzionamento delle scuole e per la vita sociale e democratica.

***

Diversi lettori e lettrici hanno chiesto quali sono le fonti di questo articolo. Sono due successive indagini internazionali i cui risultati sono stati pubblicati a cura di Vittoria Gallina, ricercatrice del Cede, poi Invalsi, in due volumi, il primo con prefazione di Benedetto Vertecchi: La competenza alfabetica in Italia. Una ricerca sulla cultura della popolazione (Franco Angeli 2000); Letteratismo e abilità per la vita. Indagine nazionale sulla popolazione italiana 16-65 anni (Armando editore 2006).

Sulle conseguenze anche economico-produttive del basso livello di alfabetizzazione si vede utilmente Attilio Stajano, Research, Quality, Competitiveness. European Union Technology Policy for Information Society (Springer 2006), di cui è in stampa una seconda edizione aggiornata.

Tullio De Mauro

http://internazionale.it/firme/articolo.php?id=18612

Notes on a scandal

How an organism is affected by a particular gene mutation, as every geneticist knows, depends on that organism’s genetic background. Although an obesity mutation introduced into one strain of mouse might produce a fat animal with diabetes, the same mutation in a mouse strain of slightly different genetic background could create a fat but otherwise healthy animal.

Similarly, the effects of a cry of academic distress seem to depend on a community’s societal background. How else to explain the contrasting results of two academic revelations: the plagiarism affair that consumed Germany for two weeks until academic disapproval forced the resignation of the defence minister, Karl-Theodor zu Guttenberg, on 1 March — and an exposé of comparable wrongdoing by the Italian minister of education, Mariastella Gelmini, in 2008, which had zero impact.

The German scandal broke on 16 February, when the daily newspaper Süddeutsche Zeitung revealed that the hugely popular Guttenberg had apparently taken a short cut to his doctorate in law by copying other published works without attribution in his thesis. The report sparked an intense reaction hard to imagine in countries such as the United States and Britain, where the academic achievements (if any) or failures of politicians are not considered serious issues.

German citizens looked to the Internet to discover the extent of Guttenberg’s plagiarism, which turned out to be quite shameless. The University of Bayreuth withdrew his PhD and is now investigating whether he had just been careless or had intended to deceive. At first, Guttenberg attempted to underplay the importance of “inadequate footnotes” in a thesis; the issue faded to insignificance, he implied, next to his momentous political mission of reorganizing the German armed forces and controlling their presence in Afghanistan. His popularity among the general public remained undiminished, and Chancellor Angela Merkel, herself a PhD physicist, tried to limit damage to her government by saying that she had “hired a politician, not a scientific assistant”. That was a fatal mistake. Within days, tens of thousands of PhD holders had signed a letter deploring her “mockery” of an academic system that represented decency, honour and responsibility — attributes that they insisted should be reflected in a democratic government. Crushed by this attack of righteousness, Guttenberg finally resigned.

Like Guttenberg, Gelmini was a graduate in law. And like him, she felt that her driving ambition justified taking short cuts in academic procedures to get the degree that would help her political career. In 2001 she travelled from her home town of Brescia in the north of Italy to Reggio Calabria, in the far south, to sit her bar exams. At the time, pass rates in the north were below 10%, compared with a rate of suspiciously more than 90% in Reggio Calabria, a city otherwise known for low academic standards. After the press revealed the Reggio Calabria bar exam to be a scam, the Italian academic community called for Gelmini’s resignation — to no avail. The irony of having a minister with responsibility for universities who herself cheerfully admits to having dodged academic rules is not lost on the community.

In Germany, Italy and neighbouring countries in Europe, politicians are frequently drawn from academia. Credentials help political careers, and nearly 20% of the German parliament hold PhDs. But then, almost 9% of Italian parliamentarians are university professors, so the differing reactions to calls for resignation prompted by scholastic misdemeanours cannot be down to ignorance about how universities work. Instead, the difference seems to be based on how large a threat each government considers the weapon of moral correctness to be — and how dangerous is the academic community wielding that weapon.

Should anyone really have expected the government of Silvio Berlusconi to fear such a weapon?

It is more surprising, and gratifying, to find that in Germany, one of the world’s richest and most powerful countries, rage against an academic cheat can provoke serious consequences. Not only was Guttenberg popular, but he hadn’t previously made any serious political errors that would have seen charges of plagiarism considered the last straw.

Still, there may not be a lesson for many other countries here. Germany is known as the ‘country of poets and philosophers’ — a rare societal background, and one apparently conducive to propagation of honourable academic values. Like our more fortunate mutant mouse, all there seems plump and healthy, even as it remains unfathomably mysterious to those on the outside.

Lo stile è l'uomo

Ma l’importante è che non parliate in più di tre o quattro per volta che sennò non si capisce niente.
Aldo Biscardi

Tango Till They're Sore

Aggrapparsi al bastone del pollaio quando si annega è normale ed in un certo senso comprensibile.
Tentare di giustificarlo è semplicemente patetico.